Bambino di 5 anni dona 45 centesimi all'oncologo che ha operato la madre

08/04/2018

“Sono per la ricerca”, dichiara. E il medico si commuove.

Quanto può pesare la speranza? Pochi grammi, l'equivalente di un pugno di monetine da 5, da 2 e da 1 centesimo. Contenute in una busta, sigillate dalle lacrime, consegnate con un sorriso.
Quanto possono valere 45 centesimi? Una vita, nella mente del piccolo Giovanni, e non una qualsiasi: quella di sua madre. Per questo ha deciso di accompagnarla, di partire con lei dalla Sardegna e di incontrare l'uomo che, un anno fa, le aveva salvato la vita, operandola per asportare il tumore al seno che aveva iniziato a “mangiare” il suo corpo.
Quanto può stupire l'innocenza di un bambino? Tanto, al punto che il dottor Pietro Caldarella, vicedirettore dello Ieo (Istituto europeo di oncologia) di Milano, si è commosso quando si è trovato davanti il piccolo Giovanni che, sorridendo, gli ha consegnato una busta, lo ha guardato fisso negli occhi e gli ha detto: “Questi sono per la ricerca”.
Un bigliettino, con un piccolo errore a suggellare l'innocenza infantile - “Caro Cadarella” -, e 45 centesimi in monetine da 5, da 2 e da 1 centesimo. L'emozione ha travolto l'oncologo che a caldo ha saputo solo ribattere dicendo al bambino “Sei un ometto”, ma che poi ha voluto condividere l'episodio con un post su Facebook, allegando la foto della busta e commentando: “Stamattina il figlio di una mia paziente di 5 anni mi ha dato questo biglietto per ringraziarmi delle cure alla sua mamma e dentro c'erano i suoi risparmi che ha voluto donarmi per ricerca sul cancro... mi veniva da piangere!!!”. Migliaia le reazioni sul social, altrettante quelle dei media che, nel giro di pochi giorni, hanno fatto del piccolo Giovanni un modello di senso civico nazionale.
Oggi la sua mamma può dirsi guarita. L'intervento, le sedute di chemioterapia, l'attesa, l'ansia, la disperazione sono alle spalle. Nel presente, non c'è più posto per loro. Nel futuro, c'è ancora spazio per una domanda: quanto può valere la speranza? Una vita, un viaggio, il sorriso di un bambino. E quei leggerissimi, ma dolcissimi, 45 centesimi.

Damiano Montanari
Ufficio Stampa e Comunicazione Couponlus